HOMEPAGE

DEMO

PREVENTIVI

ALTRE INFO

SCRIVI

I VOSTRI COMMENTI

 

voceprofessionale.it speakeraggio professionale voice-over voci narranti

  SCARICA IL TUO AUDIO
CLICCA QUI
 

Voce per: documentari, cortometraggi, video, spot, annunci, servizi giornalistici, trailers, voice over tv...
 

Voce narrante professionale inglese madrelingua, voice over  tv

IL TUO AUDIO
IN INGLESE 
CON SPEAKER 
MADRELINGUA
Clicca QUI

IL TUO AUDIO
IN TEDESCO 
CON SPEAKER 
MADRELINGUA
Clicca QUI

IL TUO AUDIO
IN SPAGNOLO 
CON SPEAKER 
MADRELINGUA
Clicca QUI

IL TUO AUDIO
IN FRANCESE 
CON SPEAKER 
MADRELINGUA
Clicca QUI
 
  PER SAPERNE DI PIU'

- Cos'è lo speakeraggio
- La voce narrante nei documentari
- Video aziendali, come e perchè
- Cosa sono le audioguide 
- La voce su Internet
- Lo speakeraggio pubblicitario  
- Video Advertising la nuova frontiera
- Segreterie telefoniche: le voci
- Microfoni: come sono fatti

 

PER SAPERNE DI PIU'

Microfoni a condensatore, sensibili e fedeli

Come sono fatti e come funzionano i moderni microfoni a condensatore

Un microfono a condensatore Neumann, uno dei migliori in commercio.

I microfoni a condensatore hanno conquistato negli ultimi decenni gli studi di registrazione di tutto il mondo. Il motivo è da ricercare nella loro alta resa. Non c'è infatti nulla di meglio di un decente microfono a condensatore con diaframma largo per aumentare la fedeltà delle registrazioni sonore. Ma, mentre fino ad alcuni anni fa, per acquistare un microfono di questo tipo era necessario... fare un mutuo, a causa degli altissimi costi, negli ultimi tempi, insieme ai modelli di punta, di qualità eccelsa ma rimasti molto costosi, sono state immesse sul mercato anche alternative meno costose, per lo più di fabbricazione orientale. Certo non hanno la medesima altissima qualità dei modelli più cari, ma per un uso amatoriale o anche semiprofessionale, svolgono il loro lavoro.

Un microfono a condensatore è costruttivamente piuttosto complesso. Si tratta fondamentalmente di una sottilissima e leggerissima lamina rivestita di uno strato d'oro ultra sottile, montata quasi a contatto davanti ad un disco di metallo, ad una distanza di pochi centesimi di millimetro. La lamina è il diaframma, il disco di metallo è il cosiddetto retro-elettrodo. Insieme formano un'unità detta capacitore o condensatore, un componente elettrico che conserva la carica.

In pratica il microfono a condensatore utilizza due piastre conduttrici, una fissa e una, sotto forma di diaframma, che si muove. Il diaframma che, colpito dal suono, entra in vibrazione produce una tensione di polarizzazione, causando così variazioni dei valori di capacità del sistema che saranno poi trasformate, dal circuito elettronico annesso, in segnali elettrici molto fedeli al movimento, con conseguente riproduzione accurata del suono. In questo modo l'energia acustica è trasformata in segnali elettrici.

Uno dei motivi della fedeltà di riproduzione di un microfono a condensatore è che la lamina ultrasottile che costituisce il diaframma è molto più sottile e leggera del diaframma di un classico microfono dinamico, già molto sottile. La capsula microfonica a condensatore può quindi seguire molto facilmente i movimenti impressi dalle onde sonore che colpiscono il diaframma e questo significa in pratica che esso riproduce in modo più naturale e trasparente il suono. 

Ma il segnale della capsula deve essere trasformato in impulsi elettrici. Per fare questo esiste un apposito circuito elettronico all'interno del microfono che, per poter funzionare però deve essere alimentato dalla corrente elettrica. In genere la tensione è a 48 volt, ma di basso amperaggio (quindi non si corre il rischio di scosse elettriche) e di solito l'alimentazione dei microfoni da studio è di tipo 'phantom' cioè esterna, fornita direttamente dal mixer o dal preamplificatore a cui il microfono è collegato.

Il microfono a condensatore fu inventato da Georg Neumann, fondatore della notissima fabbrica che porta il suo nome e che continua a costruire ancora oggi alcuni tra i migliori (e più costosi) microfoni di questo tipo. Incredibilmente alcuni dei primi modelli di Neumann (si pronuncia noiman) risalenti al 1930 o ad anni successivi erano talmente ben fatti, nonostante la tecnica di costruzione di allora fosse totalmente artigianale, da poter essere ancora oggi usati nei moderni studi di registrazione. Quelli costruiti oggi poi costituiscono veri miracoli di tecnica.

Parlando in generale uno dei problemi dei microfoni a condensatore è che essendo molto sensibili risultano inadatti ad ambienti non perfettamente insonorizzati. Nei casi in cui ci sia maggiore rischio di rumori esterni e di riverberi indesiderati si preferiscono allora microfoni del tipo dinamico che sono anche costruttivamente più resistenti. 

>> 2 - i microfoni dinamici

(Riproduzione riservata - la riproduzione di questo articolo è vietata - All rights reserved)

|

Voce per documentari Voce per video aziendali Voce per Internet Voce per audioguide Speakeraggi Voce per pubblicità Voce narrante

Privacy e cookie policy 

Riproduzione Riservata. La riproduzione, anche parziale, di testi, foto, audio, video, marchi, loghi, impaginazione e di ogni altro elemento di questo sito è vietata. I video, le immagini, le illustrazioni, i marchi ed ogni altro elemento distintivo sono di proprietà dei rispettivi titolari. La riproduzione di marchi, loghi, brani di video ed audio su questo sito, avviene a titolo puramente esemplificativo o didattico. Alcune immagini potrebbero essere state prese da Internet in quanto considerate di pubblico dominio, qualora i proprietari fossero contrari alla pubblicazione esse saranno subito rimosse. 
Voceprofessionale è un'iniziativa RENAME IT di P. De Gregorio -  P.Iva: 02093350680.